SITO BANNER ALTO 1

SERIE C NOW: ANCONA-SESTRI LEVANTE, IL COMMENTO DI AGYEMANG

ANCONA – Secondo gol stagionale per Giuseppe Agyemang che ieri ha segnato, dopo un contropiede architettato da Spagnoli, il punto del 3-1. “Questa vittoria è fondamentale. Ci eravamo detti già da due partite, da quando è arrivato Boscaglia, che la strada era quella giusta. Sia contro la Spal che contro il Pontedera la prestazione c’è stata, è mancato sempre quel qualcosa che dovevamo tirare fuori noi da dentro, questo successo ci dà consapevolezza che, nonostante siamo andati sotto dopo dieci minuti, la partita è stata lunga, l’abbiamo ribaltata, chi è entrato ha fatto la differenza e chi è partito dall’inizio ha fatto comunque il suo lavoro, siamo riusciti ad arrivare tutti insieme alla vittoria”.

L’AZIONE DEL GOL

“Ho visto che la palla stava andando nella direzione di Spagnoli e Basso, li conosco bene come giocatori e so che grazie alle loro capacità si poteva creare una situazione pericolosa, hanno lavorato la palla e appena ho chiamato la palla ad Alberto lui mi ha visto e mi ha servito perfettamente. Ero in situazione di uno contro uno con il portiere, arrivavo con grande velocità quindi fare un tiro preciso era abbastanza difficile, ho deciso con freddezza di fare la finta e poi ho tirato in porta, credo che il portiere non se lo aspettasse e così l’ho spiazzato. Spero di continuare così e di fare ancora di più per aiutare la squadra a raggiungere l’obiettivo. In un momento del genere serve davvero che ognuno di noi faccia la prestazione e dia il massimo per la squadra”.

VERSO L’OBIETTIVO

“Nello spogliatoio sappiamo tutti che la salvezza è importante e la vogliamo raggiungere a ogni costo, questo è il nostro obiettivo primario. Sappiamo l’importanza delle prossime due partite, nella nostra testa abbiamo un solo risultato e anche il fatto di voler stare tutti insieme, anche gli squalificati e gli infortunati, è fondamentale per fare gruppo perché è questo che ci porterà a salvarci. Dobbiamo andare a Pescara con l’idea di vincere”.