SITO BANNER ALTO 1

ANCONA-CESENA: CONFERENZA STAMPA MISTER COLAVITTO

Ancona – Reduce dalla vittoria in campionato di Pineto, l’Ancona si appresta ad affrontare il Cesena. Il tecnico biancorosso Gianluca Colavitto ha presentato la sfida di domani, domenica 28 gennaio (fischio di inizio ore 18:30), attraverso la conferenza stampa della vigilia. “Il Cesena in questo campionato ha dei numeri importanti: vanno messe in campo tutte le armi che abbiamo a disposizione. Dovremo giocare la partita perfetta, mettendo tutto ciò che abbiamo dentro, ma di questo sono sicuro, perché vedo i ragazzi che si stanno allenando bene. Da parte nostra c’è sempre l’intenzione di voler essere dominanti, non sempre ci si riesce, ma non vogliamo snaturarci. Dovremo giocare con una mentalità aggressiva, sono queste le componenti che nel calcio di oggi fanno la differenza. La partita di Pineto è stata una partita importante, stiamo acquisendo sempre più consapevolezza nei nostri mezzi”.

LE PAROLE DEL PRESIDENTE TIONG
“Le sue parole sono state importanti, anche se è lontano sentiamo sempre la sua vicinanza sentimentale. Ci ha fatto piacere che si sia sobbarcato così tanti chilometri per venire a vederci a Pineto. Il modulo? Da quando sono qui si parla spesso di schema di gioco: la mia idea di calcio si incastra con i miei principi: Prima viene la mia idea di calcio, poi penso allo schieramento. Io ho le idee molto chiare, non confuse: se poi queste sono supportate anche dai risultati, meglio ancora. Possiamo parlare di schemi quanto vogliamo, ma è l’atteggiamento quello che conta”.
MERCATO
“Ho fatto delle richieste alla società, che sta provvedendo: il mercato di gennaio è molto particolare. La mia intenzione era quella di riabbracciare qualche ragazzo che ho avuto: i giocatori che sono tornati stanno dando un contributo importante e sono sicuro che il loro apporto sarà determinante fino all’ultima giornata di campionato. I numeri in organico ci sono, ma è chiaro che dobbiamo tutelarci ulteriormente: se dovessero arrivare, dovranno darci una mano importante”.

CURIOSITA’ E STATISTICHE

Sono 18 i precedenti nelle Marche fra le due squadre: 3 successi dorici (ultimo 3-2 nella B 1995/96), 7 pareggi (ultimo 0-0 nella B 2009/10) e 7 affermazioni dei bianconeri ospiti (ultima 1-0 nella C dell’anno scorso). Biancorossi di casa a secco contro il Cesena in casa da 287’: ultima rete di Agostino Iacobelli al 73’ del successo 3-2 nella serie B in data 17 settembre 1995. I primati dorici dopo 22 turni nel girone B: record di autogol provocati (2, come Pescara, Arezzo e Torres), fragile in avvio ripresa (8 gol subiti tra 46’ e 60’ come la Fermana). I primati romagnoli nel girone B alla 22° giornata: cooperativa del gol (15 diversi marcatori, pari al Pescara), record di reti di subentranti (7, come Rimini e Pineto), attacco record (49 gol realizzati), difesa di ferro (13 gol subiti), scatenati in avvio gara con 8 reti segnate nei primi 15’ di gioco.

Arbitro: Cavaliere di Paola.

Su indicazione del Presidente Federale, sarà osservato un minuto di raccoglimento prima dell’inizio della partita per commemorale la scomparsa di Gigi Riva, ex Nazionale campione d’Europa nel 1968 e vice campione del Mondo nel 1970.

GIORNO DELLA MEMORIA: COMMEMORAZIONI SU TUTTI I CAMPI DELLA SERIE C NOW

Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”con queste parole di Primo Levi la Lega Pro celebra il Giorno della Memoria in ricordo delle vittime dell’Olocausto.

Il messaggio apparirà sui led luminosi di tutti i campi della Serie C NOW, in quattro momenti: al fischio di inizio, al minuto 27 del primo tempo e, infine, in due occasioni della ripresa. Le attività coinvolgeranno anche la fase prepartita, all’ingresso in campo delle squadre, e l’intervallo, quando lo speaker dello stadio darà lettura del seguente messaggio: “Tutti i club della Lega Pro si schierano contro ogni forma di odio, violenza e razzismo in ricordo del Giorno della Memoria dell’Olocausto che ricorre ogni 27 gennaio. Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”. La Lega Pro tutta, ricordando le atrocità della Shoah, ripudia qualsiasi atto di aggressione e sarà sempre in prima linea nella battaglia al razzismo.